Renzi, il Jobs Act e il canone Rai!

Il segretario del Pd Matteo Renzi, ha recentemente fatto luce su alcune questioni politiche che sono al centro delle discussioni italiane: il Jobs Act e il canone Rai.

Per quanto riguarda il primo punto egli dice così: “Il Jobs Act ha dato una spinta alla ripartenza, tuttavia non è sufficiente. Prima di noi la situazione era di vera emergenza: Berlusconi e la Lega ci hanno portato a un passo dalla bancarotta. Non so come possa Berlusconi negare la realtà dei fatti. Non ho mai detto che è un pericolo per la democrazia ma dal 2008 al 2011 con il governo di Berlusconi e della Lega l’Italia ha vissuto una crisi devastante. Il milione di posti di lavoro promessi da lui, li abbiamo realizzati noi. Berlusconi alla prova del governo ha fallito.

E’ stato chiesto a Renzi se l’idea di abolire il canone Rai fosse una vera e propria strategia in vista delle elezioni. Ma lui risponde: “Non facciamo la campagna elettorale sul canone: il Pd punta a tornare a Palazzo Chigi, non alla guida di Agicom. La questione del canone mi serve per lanciare il tema dell’evasione fiscale con Berlusconi e Salvini. La priorità è aiutare le famiglie. Ci sono tre ipotesi in campo: il modello francese di quoziente familiare, l’assegno familiare generale e infine quello indirizzato ai singoli minori. L’obiettivo è quello di mettere più soldi nelle tasche delle famiglie”.

About linda