Ultima conferenza stampa di Obama: i consigli a Trump, la Russia e la sua famiglia

Barack Obama dopo otto anni alla Casa Bianca, ha parlato nella sua ultima conferenza stampa di molti temi, tra cui qualche suggerimento al suo successore Donald Trump:”credo che fino a quando non si siederà dietro quella scrivania non capirà quanto questo è un lavoro enorme che non si può fare da soli [..]Bisogna affidarsi tantissimo a un team, al gabinetto, allo staff della Casa Bianca, anche a giovani 20-30enni che hanno competenze significative“. Ha parlato dei rapporti con la Russia dove ha auspicato il mantenimento di rapporti costruttivi e si è detto preoccupato della situazione in medio oriente, dove l’unica strada percorribile è quella della coesistenza di due stati separati perchè nonostante tutti gli sforzi, la pace non potrà mai essere imposta.

Ha parlato dei rapporti internazionali tra le grandi superpotenze e i paesi più piccoli, affermando l’inammissibilità di certi atteggiamenti da parte degli Stati Uniti, i quali difendono questa visione del mondo priva di prepotenze, facendo un riferimento a Russia e Cina.

Il presidente uscente ha parlato di questioni interne come il caso della grazia concessa a Chelsea Manning, spiegando come la Manning abbia scontato una dura pena per il suo crimine del quale si è assunta piena responsabilità, ma ha aggiunto che la sentenza è stata sproporzionata rispetto a quelle di altre persone che si sono macchiate di altri crimini.

Sulla questione razziale, afferma che la sua presidenza ha aiutato leggermente al migliorarne la situazione, ma c’è ancora tanta strada da fare, ha affermato Obama.

Al termine della conferenza stampa, non è mancato un momento dedicato alla sua famiglia. Obama si è detto stanco per il ruolo ricoperto negli ultimi anni da presidente degli Stati Uniti, ha espresso il bisogno di rilassarsi, scrivere e stare tranquillo, dedicando più tempo a sua moglie e alle sue figlie.

Tags: , ,

About Sam